Yoga

Da qualche anno a questa parte lo yoga è entrato a far parte della mia quotidianità. Praticando quotidianamente, giorno dopo giorno, mi sono accorta di quanto lo yoga sia diverso da un qualunque altro sport. Ti cambia fisicamente, rendendoti più elastico, più forte, più resistente, ma il vero cambiamento che avviene con la pratica è ben più profondo. Ti accorgi che non è solo il tuo fisico a cambiare, ma anche la tua mente. La parola yoga in sanscrito significa unione. E praticando capisci che  yoga non sono solamente “asana” cioè le posizioni, ma appunto l’unione di più cose. Ciò che distingue lo yoga da una qualsiasi pratica sportiva è l’attenzione che attraverso il respiro (pranayana) si porta dentro di sè. La concentrazione (dharana) che necessaria per tutto il tempo della pratica. Impari che il primo insegnamento dello yoga è la non violenza (yama),  quindi il rispetto verso se stessi e verso  gli altri (nyama). Impari che lo yoga non è solo contorcersi e sudare, ma è anche riuscire a stare fermi immobili e svuotare la mente (dhyana) per arrivare piano piano in contatto e a conoscere la parte più autentica di se (samadhi).
E sto imparando che è un percorso lungo tutta una vita, un bellissimo viaggio verso se stessi, attraverso il quale si impara a volersi bene e quindi a stare meglio anche con gli altri, perchè in fondo, è il disagio interiore che crea quello esteriore.
E il 2018 credo che sarà un anno in cui spenderò forse più tempo sul tappetino anzichè in sella, perchè quest’anno inizierò un percorso di studi, magari per riuscire a trasmettere un giorno, un pochino di quello che i miei maestri sono riusciti a trasmettere a me. Non ho progetti o velleità particolari, se non quello di dedicarmici perchè mi piace e soltanto passo dopo passo capirò dove mi porterà questa strada!
Per il momento è ora di srotolare il tappetino e praticare!!!
Namastè!

DSCF4063-1

Praticando yoga da diversi anni, ad un certo punto, mi sono ritrovata a dover mandare in pensione il tappetino sul quale avevo sudato per tanto tempo. Prima di comprarlo feci un po’ una ricerca su quello che poteva offrirmi il mercato e per scegliere partii dalle mie esigenze. Finii per comprare l’element grow di re yoga prima di tutto per le dimensioni perchè con la sua versione large finalmente avrei smesso di avanzare sempre un pezzo fuori dal tappetino 🙂 e per l’aderenza : su tutte le recensioni che avevo letto si parlava di un grip spettacolare….e non posso che confermarlo! Anzi direi proprio carta moschicida! Lo spessore di 4 mm e il materiale (riciclato) di cui è fatto, danno un ottima stabilitàe un buon isolamento anche dal (freddo a casa mia) pavimento. Le mie conclusioni sono che, per quello che sono le mie esigenze, questo è davvero un ottimo tappetino per chi cerca stabilità aderenza al 100% e uno spessore adeguato che ammortizzi anche la durezza del pavimento! la mia versione large pesa 1.940 kg, ma visto che ci devo stare sopra e non me lo devo portare a spasso, è solo un dettaglio….per il trekking ho provveduto con il tappetino da viaggio!!!:-)

Altre foto:

DSCF0518

DSCF0258
La classe

DSCF0278

DSCF0243

DSCF0264

DSCF0106

SDSCF0032

DSCF9231-IridientEdit

DSCF9637

DSCF8271

DSCF1843-1

DSCF8928bif

DSCF8257

DSCF8248
Il mio tappetino

DSCF8259

dscf6918

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: