L’Elba dei Disagi (25/04/10)

 Come ogni anno un nutrito gruppo di bikers Modenesi a dir poco eterogeneo ha abbandonato il freddo continente per la solare e calda Isola d’Elba!
Questa era la nostra speranza, ma la realtà è stata ben diversa e una serie interminabile di “disagi” ha messo a dura prova il nostro fisico, ma non il nostro spirito.
Erano presenti alla nuova avventura Elbana l’organizzatore Robby, Kevin, i cinghiali Robby e Maciste, Renky, Sergiaziz, Andrea, Tullo, Marcello e l’immancabile Paolo detto numero 14…. a dimenticavo ovviamente anch’io!

Partiti il venerdì mattina, con un tempo non molto promettente, le nostre speranze di evitare la pioggia è progressivamente svanita con il sopraggiungere di nuvoloni e con l’abbassarsi inesorabile delle temperature.
Il mare mosso ha poi reso il viaggio ancora più disagiato riducendo il fragile Kevin ad uno stato semi vegetativo. Emblematica la frase di un uccellaccio del malaugurio che ha affermato sul traghetto che non ci si deve preoccupare, tanto all’Elba fa un tempo a se!!!!
Ottimo direi, la pioggia si è anche ridotta notevolmente, l’Elba anche questa volta ci ha trattato coi guanti! Così rincuorati si decide di partire per un bel giro freeride che ci porterà alle pendici del Monte Perone.
A metà salita però la situazione meteorologica cambia radicalmente e la pioggia inizia ad intensificarsi.
Ormai siamo ad un punto di non ritorno e quindi decidiamo di finire il giro come da programma.
I sentieri erano come torrenti in piena, ma il divertimento in discesa è stato incredibile anche perchè il terreno e le rocce tenevano a bomba.
Finalmente siamo giunti in albergo, bagnati fradici e infreddoliti, ma carichi a mille per una doverosa doccia calda e una mangiata a dir poco colossale.

Sabato il meteo è stato sicuramente migliore della giornata precedente anche se il sole non è spuntato spesso dietro la fitta coltre di nuvole.
Il giro ripercorre una parte del tracciato fatto l’anno scorso riducendo notevolmente i chilometri  e portandoci fino a Enfola.

Purtroppo la condizioni dei sentieri all’Elba quest’anno non era delle migliori a causa di alcune nevicate e piogge invernali molto intense; molti alberi caduti e il terreno in qualche tratto argilloso ci ha fatto faticare parecchio rendendo disagiato il rientro.
Il morale della truppa non era altissimo a causa della giornata disagiata che avevamo appena trascorso, la vera Elba non si era ancora fatta vedere! Preso dallo sconforto il buon Renky si ritira e decide di tornare a casa con un giorno d’anticipo, mentre gli altri tengono botta confidando nelle ottime previsioni di domenica.

Mai stata fatta scelta migliore, domenica l’Elba si è superata regalandoci una giornata indimenticabile.
Anche quest’anno “il Semaforo” si è rivelato un giro epico straordinariamente bello sia per i panorami che per le discese.

A differenza del primo anno i sentieri erano molto più scassati rimanendo godibili e divertenti; indispensabile una bella bici da FR per non rimanere schianati nei numerosissimi passaggi rocciosi iper-tecnici.
Giunti a Pomonte ci siamo fermati doverosamente nel nostro barrettino di fiducia per l’immancabile giro di birre, concludendo così in maniera perfetta una giornata meravigliosa.

A presto Elbaaaaa 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: